Archivio mensile:maggio 2012

L’erbivoretta vien dalla campagna con un premio.

Sono stata nominata da Felicia e sono contentissima perchè l’onorificenza è ‘Cake blog di qualità’. Grazie Feli, provvedo subito ad elencare la mia hit parade di dolciumi.

1. Torta tiramisù : il mio animo blogger mi sta dicendo che dovrei spendere due parole su questo dolce, ma la mia nuova attitudine campestre mi spinge a credere che non servano altre parole e che voi, che mi seguite con tanto affetto, capirete perchè è il vincitore. Oops, ho speso più di due parole.

2. Muffins ciocco-arancia di CescaQB : dovete assolutamente provarli, almeno sino a quando riuscite a trovare delle arance. Sono tra i dolcetti più buoni del mondo ed io, personalmente, li ho adottati.

3. Cookies nocciole e cioccolato, aka cookies natalizi: danno assuefazione, garantito!

4. Torta allo yogurt e marmellata della colazione : non ho ancora condiviso la ricetta, ma vi assicuro che lo farò presto e che questa torta merita assai…

5. Cestini di frolla alle nocciole con crema al cioccolato e banane : prendete la crostata pere e creme vegan della meravigliosa Dona, sostituite un po’ di ingredienti per ottenere una frolla alla nocciola, createne dei cestinetti, riempiteli con la sua crema al cacao ed ecco la meraviglia.

6. Baci di dama : forse un po’ di Photoshop potrà aiutarci a vederli nella giusta luce, comunque uno tira l’altro.

7. Torta al cioccolato : devo assolutamente postare anche la ricetta di questa torta, mea culpa.

E adesso arriviamo alle note dolenti. La regola è passare il premio ad altri 10 blogger meritevoli, ma io credo che ogni blog che seguo si meriti questo riconoscimento perciò, è qui: prendete e godetene tutti e condividete la vostra personale classifica di dolci che, in periodo di prove bikini imminenti, ci sta sempre bene. Così, per farci del male.

Intanto, in un appezzamento di terra non molto lontano dalla dimora dell’erbivora, il progetto di un piccolo orto organizzato a bancali continua la sua saga.

 

Strani cavi partono da un tubo per collegarsi ai bancali, creando dei piccoli motori che, si spera, potranno dare la vita a qualcosa.

E il 5 maggio i primi inquilini prendono possesso delle loro stanze, saggiando il terreno. Qualche seme di cipolla, di sedano, di cerfoglio e di zucca è già germogliato, messo a dimora direttamente sul bancale.

Ci sono melanzane, pomodori San Marzano, cetrioli, zucchine bianche e verdi, meloni, peperoni gialli e rossi ed è pronto un piccolo bancale più basso per le fragole. E il gelso e il nespolo ci fanno capire che i loro frutti sono quasi maturi. Speriamo bene.

Contrassegnato da tag ,

V per Savoiardi Vegan.

Dal momento che un simpatico virus intestinale ci ha costretti entrambi a casa in questo periodo di ponti e di feste del lavoro che c’è ma non si vede, mi sfogo utilizzando la mia unica mattinata di malattia per produrre dei biscotti da colazione ormai collaudati.

La prima volta che li ho provati sono venuti buonissimi, ma davvero una schifezza a vedersi. Sono meravigliosi per il té, per la colazione e per farci i dolci da cucchiaio. Non sapevo se chiamarli “Biscotti perfetti per un buon vegan-tiramisù” oppure “Savoiardi Vegan” o “Savoiardivì”.

In medio stat virtus, perciò il titolo di questo post è “Savoiardi Vegan”. Secondo me il sapore ricorda vagamente quei biscottoni. La leggera croccantezza esterna che contrasta con la morbidezza interna ancora di più e li rende perfetti per i dolci da cucchiaio.

Ora che la ricetta è collaudata, assolutamente condivido. Se ci sono suggerimenti per diminuire lo zucchero rimpiazzandolo con altro ingrediente, sono qui che aspetto con le orecchie verso il soffitto e tirate leggermente verso l’esterno. A mò di parabola, insomma.

 

Ingredienti.

380 g di farina
20 g di fecola di patate
80 g di frumina
100 g di margarina senza grassi idrogenati
180 g di zucchero di canna
170 g di latte di soia + 20 g di acqua (o 190 g di latte di riso)
2 cucchiai di sciroppo di riso
1 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere o estratto di vaniglia
2 cucchiaini di lievito per dolci

Procedimento.

In una ciotola capiente setacciare per bene tutti gli ingredienti secchi, escluso lo zucchero. In un’altra ciotola, sciogliere lo zucchero dentro il latte, aggiungere la margarina, lasciata sciogliere a temperatura ambiente e unire agli ingredienti secchi, sino a formare un impasto omogeneo e abbastanza appiccicoso.  Lasciar riposare in frigo per almeno un’ora.
Trascorso questo tempo accendere il forno a 190° e, aiutandosi con un cucchiaio e con le mani umide, prelevare delle piccole porzioni di impasto dalla ciotola e disporle su una teglia foderata di carta da forno. Lisciare la superficie dei biscotti con un dito bagnato d’acqua e infornare per 15 minuti, o sino a leggera doratura.

Sfornare, lasciar raffreddare su una gratella e conservare in un barattolo a chiusura ermetica.

Contrassegnato da tag , , ,