Orecchiette panna, patate, trevisana, cipollotto e dulse. E pulizie di quasi primavera.

Svegliata prestissimo dai rumori del popolo iperattivo del sabato mattina, il simpatico ronzio dell’aspirapolvere sparata a tutta potenza neanche ci fossero da aspirare fermenti lattici vivi dagli angoli, il rullare poco conciliante delle rotelline sul pavimento che a casa mia si chiama soffitto e un amorevole trascinamento di mobili e sedie per il solito pavimento che da me si chiama soffitto, mi ha riportata alla triste realtà, ricordandomi che la casa è in una situazione di degrado non di poco conto.
A partire dalla verandina di ingresso per finire al giardinetto posteriore.
Non so se è un pensiero diffuso ma ancora non ho capito come mai, dopo secoli di progresso tecnologico, ancora non hanno inventato una casa che si pulisce da sola. Ma perchè!? E’ anche vero che se mi applicassi di più nelle faccende domestiche durante la settimana, non arriverei al sabato con l’ansia da prestazione. Come dicono mia nonna, mia mamma e ogni santa donna che le puoi capitare in casa quando ti pare ed è sempre quasi perfettamente in ordine, “quando una cosa ce l’hai in mano, se non ti serve più, devi rimetterla a posto!”
Ma è per caso colpa mia se in questa casa regna l’anarchia e le cose sono nomadi nate e non hanno un vero e proprio posto?!
Beh, comunque, quando lo straccio chiama non c’è nulla da fare: olio di gomito, musica e via. Il fato ha voluto che stamattina Fidanzato avesse un impegno, perciò ho potuto liberare la casalinga canterina che c’è in me.
Avviata la mia playlist preferita, ballando e cantando ho quasi portato a termine l’opera prima di pranzo, nemmeno avessi dovuto pulire la reggia di Versailles. Il tutto si è svolto come al solito, urlando le canzoni di cui conosco le parole e inventando in stile ‘uasciu iu beibi’ quelle che non conosco. A proposito di playlist, colgo l’occasione per dichiarare pubblicamente il mio amore per Last FM.
“Ma che cos’è?”, diranno subito i miei profanissimi lettori. Io sono su Last FM dal 26 giugno 2005, se vi iscriverete anche voi, vi si aprirà un mondo. E’ una sorta di database che raccoglie le canzoni che ascolto col pc oppure con l’iPod, basta installare un plugin leggerissimo ed il gioco è fatto: da quel momento ogni canzone ascoltata verrà inviata alla vostra pagina LastFm, il server comincerà ad elaborare le vostre informazioni e mano a mano vi consiglierà gruppi e artisti che potrebbero avvicinarsi ai vostri gusti musicali. Io la trovo una cosa geniale, visto che sono sempre a caccia di nuova musica. In più, sino ad un paio di anni fa, era possibile ascoltare illimitatamente la radio di LastFm, le cui stazioni sono infinite. Se vi piace la musica, dovete provarlo. Il mio profilo è questo.

Tornando alle pulizie, quando il mio stomaco ha cominciato a brontolare mi è subito venuta in mente la triste immagine della sottoscritta che addentava un panino con pane. Poi ho pensato a quella trevisana che stava per spirare senza che le avessi dato un’opportunità e ho concluso che mi sarei preparata una pasta veloce veloce veloce. Lascio la ricetta per le prossime pulizie pazze.


Ingredienti.

70 g di orecchiette
1 patata media
1 cipollotto fresco
1 piccolo cespo di trevisana
1 cucchiaio di alga dulse in fiocchi
5 cucchiai di panna di soia
2 cucchiai di olio EVO

Procedimento. 

In una pentola portare ad ebollizione l’acqua salata per la pasta.
Tagliare la patata a quadrettini. Ridurre il cipollotto a pezzetti, tagliare a listarelle la trevisana.
In un padellino far rosolare il cipollotto e l’olio. Aggiungere la panna e la trevisana e lasciarla appassire per 5 minuti.
Quando l’acqua bolle buttarci la pasta e le patate, lasciar cuocere per il tempo indicato nella confezione della pasta (12 minuti, per me), scolare e far saltare nel padellino, amalgamando bene per circa 2 minuti. Impiattare e cospargere con l’alga dulse.

Advertisements
Contrassegnato da tag , , ,

20 thoughts on “Orecchiette panna, patate, trevisana, cipollotto e dulse. E pulizie di quasi primavera.

  1. Titti ha detto:

    Herby, mi piacciono le tue cose nomadi! Ho sempre detestato i posti fissi, a partire dal lavoro…..
    Last FM é simile ad iTune, da quello che intuisco. Comunque andró a vedere il link!
    La ricetta é semplice e rapida e dopo una mattina di casalinghitudine é la giusta ricompensa! Un bacione carissima!

  2. Alice ha detto:

    sai che non ho mai assaggiato la dulse?! devo rimediare.
    poi adoro le paste con la panna, molto 80’s!!

  3. Barbara ha detto:

    la pasta delle pulizie è un classico a casa mia, mai una volta che mi segno una ricetta perchè tanto (mi dico) la prossima volta non saranno questi i superstiti in frigo & Co. quindi farò con altro 🙂
    osanna al fatto che non possiedo vicini di casa al piano di sopra non avendo un piano di sopra, potrei uccidere se venissi svegliata da quel tetro suono che descrivi, il sabato mattina… -.-‘

  4. Cesca*QB ha detto:

    Questo post mi è piaciuto tantissimo per varie ragioni:
    1) hai dovuto pulire te e non io
    2) ho avuto la conferma di non essere l’unica con problemi di cose vaganti, io solitamente però dico alla gente che ho i folletti in casa, appena mi giro sti str*nz*mi mettono tutto in disordine…e mai una volta che li abbia beccati eh, saranno sclatri…
    3) LAST FM non la conoscevo e ora ho paura…perchè so che riuscirai a convincermi come x BlogLovin’ e mi dovrò piegare al volere della tecnologizzazione
    4) questo piatto di pasta è orgasmico, la cosa che più mi convince è la scaltra accoppiata panna e dulse, da vera cheffa!!
    p.s.: io ho capito perchè ci hai messo il link della tua pagina su LastFm…volevi farmi sapere che sei più giovane di me -_-…
    CescaDulsa

  5. Titti ha detto:

    Ahahhhh, anche a me è piaciuto il post per il motivo n° 1 di CescaQB!!! hihihii 😀 😀

  6. luby ha detto:

    per me le orecchiette son quelle con le cime di rapa da una vita,ma così le mangerei eccome!!

    non parliamo di pulizie che è meglio!
    è da stamani che son di ramazza!
    bastaaaaa!!!!!

    anche a casa mia ho parecchi folletti…ci hanno invaso??!?!?!?!

    comunque se ti interessa ho visto il prototipo di una casa che tuto intorno al perimetro di una stanza ha una sorta di griglia che “aspira” i pavimenti!!!
    io per ora ho fatto un investimento….robottino!
    tu esci e lui pulisce!
    i soldi miglior spesi nell’anno 2011!!!!

  7. Felicia ha detto:

    Bellissimo post, divertente……. ma sopratutto fantastica ricetta!!!! la salsa è favolosa, cremosa e avvolgente, adoro la Dulse, il suo aroma è unico, aggraziato dalla panna di soia si armonizza con il radicchio. Complimenti!!!!! Bellissime le fotografie 😛

  8. AndrElly ha detto:

    Certo che quando ti impegni fai davvero sul serio, eh?!
    Brava donnina di casa…in più questo bel piatto sul finale mi fa davvero invidia (le pulizie no, però)!

  9. Herbs ha detto:

    @Titti, ero sicura di poter contare sul tuo appoggio, grazie!!! Non so se iTunes ti suggerisca artisti simili, LastFM lo fa e ti dà anche la possibilità di ascoltare alcuni brani. e poi sul web hai un tuo profilo con i brani che hai ascoltato, e cose un po’ così, un po’ da nerd, insomma. quale sono 🙂

    @Cesca, grazie, sono commossa. e mi commuove anche il pensiero che i folletti che girano per casa tua potrebbero girare anche a casa mia, facendomi pensare che sono veramente un’incorreggibile disordinata e invece no… erano loro!!! La pasta mi è piaciuta molto, sarà che le pulizie mi mettono fame! e poi la dulse non l’avevo mai assaggiata ed è stata una rivelazione! ahaha CescaDulsa è come BocaDulsa

    @luby, che buone le orecchiette con le cime di rapa!!
    l’azione dell’aspirare i pavimenti non mi preoccupa molto perchè Fidanzato ha un rapporto speciale con l’aspirapolvere (grrr), è tutto il resto che mi avvilisce 🙂
    ma questo robottino che dici, come si chiama!?

    @Feli, grazie mille!! C’è anche il contrasto del cipollotto dolce con la trevisana amarognola che mi è piaciuto molto!

    @AndrElly, guardaguardaguarda chi è tornato! non abbandonateci più, vogliamo un tarocco!! prendete un impegno concreto con una vostra fan!

  10. Katy ha detto:

    Di Lastfm ne sento parlare sempre dal mio ragazzo, ma ora che la suggerisci anche tu la curiosità è aumentata 😉

    Per quanto riguarda la pulizia, io ancora vivo coi miei, ma ho fatto 5 anni di fuorisede a Bologna…la casa arrivava ad essere un campo nomadi! Mamma mia…
    Da che avevo una casa a Bologna e una stanza a Rimini, adesso ho solo una stanza a Rimini…ma con tutte le cose accumulate in questi 5 anni O____O
    Non ne parliamo…. vivo con i libri sul pavimento, i vestiti sul letto e le miriadi di futilità chiuse in scatole che ormai scoppiano…mi ripeto che è transitorio, che a marzo mi laureo e poi darò una sistemata a tutto (me compresa, dato che sembro il grinch…)…ma mi sa che me la sto un po’ raccontando, e che non avverrà così facilmente…
    Quindi, se a primavera vuoi venirmi a dare una mano e poi mi cucini anche questo sublime piatto di pasta, te ne sarò infinitamente grata 😉
    Un abbraccio

  11. notedicucina ha detto:

    Quanto a case che gridano vendetta… Ehm… Stendiamo un velo pietoso. Domani bisogna recuperare il mese perduto a zonzo e affrontare il temibile esercito degli Acari Selvaggi, c’è poco da fare. E dire che, in situazioni “normali”, eravamo una coppia così ordinata… :-)! Vabbè. In attesa delle grandi pulizie ci rifacciamo gli occhi con le tue orecchiette e con tutte le altre meraviglie che ci eravamo persi.

  12. Reb ha detto:

    Della dulse mi garba persin il nome, che suona per l’appunto..dolce 🙂

  13. donatella ha detto:

    Herbi Herbi, continuo ad odiare blogger che non mi porta mai da te!!! E che mi fa perdere queste delizie1 Le orecchiette, la trevisana, le dulse: eccheccavolo, è davvero un piatto fantastico, altro che emergenza pulizie! Tpo da ristorante vegetariano, davvero! Pasta buonissima!
    Il disordine, le cose anarchiche che hanno vita, il pulire… eeeeeeeeehhhhhh [sospiro], come ti capisco… accidenti agli ingegneri, perché non la fanno la casa autopulente e autoordinante???

  14. Sara ha detto:

    anch’io mi aggiungo all’elenco di chi vorrebbe la casa autopulente (sono disposta anche ad essere usata come cavia per i primi esperimenti…). E non posso non aggiungermi all’elenco delle ammiratrici di questa ricetta favolosa, assolutamente da segnare!!

  15. AndrElly ha detto:

    Siamo tutti rossi per l’emozione dei tuoi complimenti!

  16. Herbs ha detto:

    @Katy, ma sì! devi provarlo assolutamente! io lo adoro perchè mi istiga ad ascoltare sempre nuova musica! vengo ad aiutarti con piacere, fammi sapere quando 😉

    @notedicucina, beh, voi siete giustificati…io sono disordinata 365 giorni all’anno!

    @Reb, ormai mi ha conquistata, ne sentirete parlare più spesso 😉 in realtà è alquanto sapida 🙂

    @dona, unisciti alla grande famiglia di bloglovin’, suvvia! diventa indipendente da blogger e fai questo grande passo 😛 eheheh grazie, da ristorante insomma, un po’ vintage, forse 🙂 io sono ingegnere, ma senza specializzazione in case autopulenti, accidenti a me!

    @Sara anche io mi proporrei come cavia, se proprio s’ha da fare! Grazie ^^

    @AndrElly, macchè, ve ne meritereste anche di più!

  17. Franco ha detto:

    Ricetta veloce veloce per un grande risultato, trovo molto belle le foto e davvero invitante la ricetta, mi procuro l’alga dulse e provo a replicare. Ciao Franco

  18. Mimi ha detto:

    Come ti capisco Herbi, odio pulire casa… Non mi piace proprio e’ un’attività che proprio non mi và giù 😄 ! Ma quando le pentole, i piatti e la polvere mi guardano con “occhi perplessi e spaventati” dalla mia pigrizia, mi tocca mettermi all’opera 😦 !
    Riguardo i vicini ed i rumori, ora posso dire che finalmente nella mia bella casetta fra le montagne e solitaria, non vivo più problemi del genere “sono le 7 ed i mobili cominciano a spostarsi a destra e manca O_o
    E per questo tiro un sospiro di sollievo! Finalmente!
    Riguardo la music, devi vedermi il link… Mi hai incuriosita!!!^_^
    E delle orecchiette che cosa dire, sono spettacolari e sicuramente gustose! Ti prepari sempre piatti niente male, complimenti! Anche quando nn sai che preparare l’ingegno ti aiuta molto a quanto pare 😉 !
    Gnam Gnam!

  19. Chicca66 ha detto:

    Mi hai fatto morire dal ridere 🙂 e mentre leggevo ti immaginavo svolazzante con lo straccio della polvere in mano cantando a squarcia gola 🙂 E magari ci fossero le case autopulenti come i forni 🙂
    Anch’io son così preferisco stare nell’orto piuttosto che fare pulizie domenstiche…La tua pasta è davvero molto invitante e dopo una mattinata di pulizie direi che è perfetta 🙂

  20. Chicca66 ha detto:

    Ps: non ci capisco un ciufolo di play list, plugin e cose del genere…mamma mia che brutta roba l’ignoranza, io vado ancora di radio e cd 🙂 😳

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: