La città vecchia.

Sono pochi i posti in cui ho la certezza di rilassarmi e sentirmi a mio agio quasi fossi a casa mia.
Non ci sono parole per descrivere la sensazione di benessere che provo quando io e Fidanzato arriviamo in questo paese fuori dal tempo e ancorato allo spazio che è Osini. E questa domenica, per la prima volta, ho visitato la città vecchia, ciò che è rimasto del paese dopo l’alluvione del 1951.  Quando l’acqua è arrivata la gente ha abbandonato il paese, perchè troppo vicino al fiume, e si è spostata più in alto. Le case vecchie sono rimaste là, quasi come un monumento alla vita di un tempo. E’ una strana sensazione camminarci in mezzo, è emozionante riconoscere dettagli di tempi passati, camminare per strade non ricoperte di cemento e pensate per le persone. Eccola qua.

Annunci

14 thoughts on “La città vecchia.

  1. Reb ha detto:

    Foto che tolgono il fiato, strappando un sorriso amaro ed incutendo un rispetto reverenziale. Belle belle belle

  2. Barbara ha detto:

    la bottega del ciabattino mi ha restituito la stessa identica sensazione di accapponamento della pelle che provo quando guardo certi documentari sugli anni dal 1938 al 1945.
    e i chiavistelli/batacchi delle porte sono un mio chiodo fisso quando sono in giro a fotografare.
    bei pensieri, foto che parlano 🙂

  3. Katy ha detto:

    Le foto descrivono perfettamente le tue parole.
    A me piace tanto la seconda foto, trasmette molte emozioni.

    Un abbraccio e buon inizio settimana 🙂

  4. Cesca*QB ha detto:

    Deve proprio essere un posto che ti lascia dentro qualcosa quando lo si vive sul posto. Già le foto trasmettono molto…quelle scarpe per terra…brividi…

  5. Sara ha detto:

    Sembra un luogo incantato, da favola…bellissime foto, complimenti!

  6. Sara ha detto:

    …certo, una favola amara…

  7. Luby ha detto:

    Queste foto trasmettono emozioni forti.
    Grazie per averle condivise.

  8. lamiss ha detto:

    vedo che il super regalone di quest’anno viene messo in azione per bene e il risultato è magnifico. Le foto sono piccoli gioielli di attenzione, quella del muschio in maturazione è la mia preferita!

    Il luogo è incantevole e il suo affascinante racconto di vite passate è emozionante.

    Grazie e a prestissimo
    (ho letto la tua mail, grazie! Tra poco ti rispondo anche lì!)

  9. Felicia ha detto:

    Fotografie stupende, lasciano senza fiato, sembra un paese fantasma e in un certo senso lo è…. allo stesso tempo mi trasmettono energia vitale, è ancora vivo!!!! ci sono i ricordi, le gioie, i dolori, il lavoro, la vita comune di chi ha vissuto a Osini, è tutto fermo immobile, sembra attentere il ritorno della gente. Guardando queste immagine si provano mille sensazioni diverse, bellissimo………….., triste, vuoto, desolato, magico, ma ancora vivo!!!

  10. Titti ha detto:

    Belle e inquietanti immagini. Questo luogo mi ricorda il borgo di Bussana Vecchia, nel Ponente Ligure, tristemente famosa per un devastante terremoto che colpì nel 1887 lasciando scheletri di case con la conseguente fuga dei superstiti. Negli anni ’60 del secolo scorso, turisti, avventori tedeschi ridiedero vita al borgo spettrale portandovi l’acqua, l’elettricità e cercando di ricosstruire con i pochi mezzi quei luoghi abbandonati. Ne nacquero botteghe d’arte, luoghi di incontro, ecc.
    Che successe poi?? Che gli eredi dei terremotati, dopo quasi 70 anni, rivendicarono (con cupidigia) le proprietà ma, ahiloro, le ghiotte proprietà furono usucapìte e gli eredi rimasero con un palmo di naso!!
    Scusa la lungaggine!!
    bacio

  11. Herbs ha detto:

    @Reb, grazie, sono contenta che le abbia apprezzate, ne ho fatte a centinaia -_-”

    @Barbs, grazie! accidenti ora che mi ci fai pensare quella doveva proprio essere la bottega del ciabattino! ieri sera quell’immagine mi è rimasta in testa ma non sono proprio riuscita a collegarla ad un’attività artigiana..chissà perchè mi sono immaginata una famiglia numerosa con tante scarpe…

    @Katy, anche a me piace molto quella foto, c’è Fidanzato che inconsapevolmente si è prestato a fare il fantasma 🙂

    @Cesca, sono contenta di essere riuscita a trasmettere qualcosa, in realtà il posto offre molti spunti!

    @Sara è come un posto dove il tempo si è fermato, sia la città vecchia, sia quella nuova

    @Luby, grazie a te per averle recepite ed avermi lasciato un pensiero

    @Miss, grazie mille! ti dico solo che in un solo pomeriggio ho fatto circa 200 scatti… è che mi sono costretta a guardare più con gli occhi che col mirino, altrimenti… a prestissimo cara!

    @Feli, grazie mille!!! sì, è proprio come dici: sembra che tutto sia rimasto immobile in attesa di… anche i vasi sui balconi, le piante che sono state modellate sugli ingressi e non hanno perso la loro forma, il forno che sta aspettando nuove pagnotte da cucocere… è come se fosse tutto immobilizzato da un incantesimo. hai ragione.

    @Titti, sono contenta che abbia suscitato in te questo ricordo e grazie per aver condiviso questo aneddoto… a volte la giustizia esiste davvero! io purtroppo non so molto dell’alluvione, su internet ho trovato poca roba, ma pare che fossero stati 5 giorni di ottobre con piogge a dir poco disastrose in seguito ad un anno di siccità, in quelle zone morirono 5 persone e rimasero tutti isolati per quasi una settimana. gli aerei paracadutavano i viveri e per fortuna lo stato stanziò subito qualche miliardo per la ricostruzione, così che gli abitanti poterono lasciare quasi istantaneamente le loro abitazioni, diventate pericolanti. Ora stanno restaurando 2 costruzioni, credo che sia opera dei proprietari. chissà come sarà fra una decina d’anni… nessuna lungaggine, amo molto leggere le tue parole, grazie per esserti fermata!

  12. Mimi ha detto:

    Le foto sono molto suggestive,ma rendono l’idea dei pensieri che ti possono affiorare alla mente mentre passaggi fra quelle case di pietra disabitate, vuote quasi tristi… M ancora piene di vita!
    Ogni angolo di quelle case e di quell’arredamento rimasto e’ ancora pieno di Vita, ecco perché emoziona ancora camminare e passeggiare fra quei vicoli!

  13. Chicca66 ha detto:

    Ho guardato con ammirazione e commozione queste bellissime foto 🙂

  14. Mamma Vegana ha detto:

    Belle foto e splendido posto, anche a me come a Titti ha ricordato Bussana Vecchia, luogo dove sono stata più di una volta perché è davvero un posto “magico” ma di cui non conoscevo l’aneddoto degli eredi rimasti con un palmo di naso! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: