Estratti preziosi.

Volevo esprimere tutta la mia disapprovazione di queste ultime ore verso Blogger. Ma insomma. E’ possibile che non riusciamo a mettere una pezza sull’annoso problema del captcha combinato a OpenId!? Dai!!!! La maggior parte dei blog che leggo e commento sta su Blogger, se non riesco a lasciare un commentino mi sento male. Ancora peggio. Se scrivo un romanzo e poi non riesco a pubblicarlo, sento che la mia vena commentatrice è stata umiliata e bistrattata, sigh.

Poi mi tocca distogliere l’attenzione dal pc per non prendere a pugni la tastiera e se alzo gli occhi vedo Fidanzato che gioca a GTA facendo le cose più strane, tipo sparare con un kalashnikov dall’ultimo piano di un grattacielo verso il nulla, dopo essere arrivato là con un elicottero. Ehi, aspetta, un elicottero!? Ma questo è un trucco!! Ah, Fidanzato, non cambierai mai, meglio rivolgere l’attenzione nuovamente verso il monitor del mio pc.

Ho finalmente trovato il cardamomo, inaspettatamente. Ed era da un po’ che avevo messo gli occhi su questo, aspettavo solo il momento giusto e questa sera ho cominciato a sperimentare. Va bene, l’estratto di Anice&Cannella non prevede i semini del cardamomo, ma potevo non provare ad inserirli? E che sarà mai, e santo cielo! I risultati si vedranno fra 3 mesi minimo, per il momento, seguendo le istruzioni, agiterò con violenza una volta al giorno e riporrò in luogo fresco e buio. Si può usare in tutte le preparazioni che prevedono l’utilizzo della vanillina o anche della vaniglia in polvere. Col passare dei mesi dovrebbe sparire anche l’odore dell’alcol.

Visto che c’ero ho provato la stessa ricetta per ottenere un estratto di arancia e limone. Il vicino ci ha regalato degli agrumi bio del suo frutteto proprio ieri, era il caso di approfittare di un po’ loro scorza. Il resto la essiccherò con l’essiccatore appena rubato ai suoceri e la polverizzerò per conservarla per i periodi di magra.

Riporto qua le dosi per l’estratto, ma vi consiglio di controllare anche la ricetta linkata perchè parla di tante cose interessanti che si dovrebbero sapere sui baccelli di vaniglia.

Servono

35 g di zucchero
35 g di acqua
60 ml di alcol buongusto 95°
6 baccelli di vaniglia
1 pentolino
1 bottiglietta o un vasetto di vetro a chiusura ermetica
4 baccelli di cardamomo
Si scioglie lo zucchero nell’acqua e si porta ad ebollizione per 3 minuti a fiamma bassa. Si spegne, si mescola e si lascia raffreddare.
Aggiungere l’alcol allo sciroppo e mescolare ben bene. Aprire i baccelli di vaniglia con un coltello affilato, raschiare via i semini e metterli nel barattolino. Aggiungere anche i baccelli che rimangono, spezzettati in più parti. Aprire i baccelli di cardamomo, estrarre i semini e metterli nel barattolino. Coprire con la mistura di alcol e sciroppo, chiudere e agitare per bene. Riporre al buio e al fresco e agitare almeno una volta al giorno per i prossimi tre mesi. Anice&Cannella (d’accordo, Paoletta) consiglia di aggiungere anche eventuali pezzi di vaniglia che nei mesi userete durante le preparazioni.

Per quanto riguarda l’estratto di limone e arancia, il procedimento è uguale, ma ai semini vari ho sostituito la scorza di un’arancia e di un limone, sbucciati evitando di asportare la parte bianca che, credo, lo renderebbe un po’ amarognolo. Ho finalmente potuto riciclare quella bottiglietta dell’olio di cocco che ho conservato con tanta lungimiranza. Mi stupisco della mia previdenza, a volte.
Non mi resta che agitare e aspettare.

… E il vicino degli agrumi bio?

E’ stato ringraziato con un vassoietto di questi.

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

15 thoughts on “Estratti preziosi.

  1. Barbara ha detto:

    1000percento d’accordo con te sui disservizi di blogger….che però al momento resta comunque una delle piattaforme free più decenti per cui mi lamento poco, anche se ci sarebbe da dire anche sui feed e sugli aggiornamenti mancati.

    bando alle ciance io non sono portata per gli intrugli gli estratti e le cose così, per cui mi metto qui buona buona ad aspettare il risultato del tuo per cui non dimenticarti di reportare quando sarà il momento ^^
    invece mi sento portata per i dolcetti che hai offerto al vicino……sgnammete 🙂

  2. Felicia ha detto:

    Gli estratti sono utilissimi… fammo risparmiare e il prodotto è sempre pronto all’uso!!!! Io sono anni che utilizzo l’estratto di vaniglia, ma il mio è fatto solo con semi di vaniglia e rhum, è buonissimo, l’unico difetto è che non sempre è possibile utilizzarlo, la presenza del rhum è vincolante, ma è anche comodo e veloce da preparare, consevo in una bottiglietta di vetro scuro, la vaniglia a pezzetti piccolissimi schiacciata e tagliata e il rhum, ogni tanto aggiungo o vaniglia o liquore. Per quanto riguarda il cardamomo ho risolto inserendo i semini in un vasetto di zucchero…. I tuoi estratti offrono il vantaggio di non essere vincolati agli ingredienti base dei miei….. sono assolutamente perfetti 😛 bravissima

  3. Nadir ha detto:

    Che brava! non so se avrei la costanza di agitare per 3 mesi tutti i giorni, sicuramente me ne scorderei… una domanda, quindi alla fine dei 3 mesi usi l’estratto talquale, senza filtrazioni di sorta?
    Buon sabato

  4. Francesca ha detto:

    Io ultimamente ho un sacco di problemi a visualizzare i alcuni blog da Bloglovin…ovvero una volta che clicco la pagina si apre e resta beatamente bianca -_- non so se è un problema di blogger…ma du*palle!!! E In alcuno se clicco su commenta , col kiwi che riesco a commentare!!! Uffff
    ma tornando a discorsi più felici e stato bello immaginarti con cappello da stregone per questa ricetta….e vorrie averla anche io una vicina che mi porta questi dolcetti -_- invece i miei mi riportano solo i miei piatti vuoti 😀 dai è già qualcosa!

  5. Herbs ha detto:

    @Barbs, hai ragione, è comunque fra le migliori, però devono risolvere questa cosa dei commenti! 🙂 In realtà ieri ho scoperto che commentando con l’opzione Nome/URL va tutto liscio…
    speriamo di ricordarmi di shakerarlo tutti i giorni, ti farò sapere 😉

    @Feli perchè la presenza del rhum è vincolante? si sente molto il sapore? Utilizzerò anche la tua tecnica ninja dei semini del cardamomo nello zucchero, oppure aspetto il macinacaffè e li riduco in polvere con quello, anche se non so se sia una buona idea tritarli con le lame d’acciaio…cosa dici? grazie, ho solo copiato, speriamo che vengano bene 🙂

    @Nadir, grazie! adesso vediamo se riesco a ricordarmene anche io, dovrò mettermi un post-it gigante all’ingresso, oppure lo scrivo sulla lavagnetta. Teoricamente viene consigliato di filtrarlo dopo 6 mesi, quando la vaniglia non ha più nulla da dare. Però ho letto un commento di Dario Bressanini che stimo molto per le sue conoscenze in fatto di chimica che dice che in realtà l’alcol continua ad agire per almeno un anno, perciò credo che farò in questo modo: lascerò tutto dentro le bottigliette e filtro solo il cucchiaino che mi serve. Sì, perchè ho letto che per esempio per mezzo litro di crema ne basta un cucchiaino. Buon sabato!

    @Fra, hai provato anche ad usare la versione beta di bloglovin? beta.bloglovin.com
    prova ad usarlo da là e vedi se ti dà lo stesso problema.. invece per i commenti ho sperimentato che la modalità ‘nome/url’ per il momento non fallisce mai, anche se in alcuni blog non è possibile commentare con quell’opzione lì.
    quando saremo vicine di casa nel nostro ecovillaggio ti porterò moltissimi vassoi di dolcetti. pieni! 🙂 adesso vado a shackerare le mie provette, mi metto il cappello 🙂

  6. Katy ha detto:

    Anch’io l’ho fatto mesi fa, ma seguendo il metodo descritto da Felicia!
    La prossima volta provo come hai fatto tu , mi sembra migliore 🙂
    Un abbraccione

    PS anch’io conserve sempre tutti i packaging carini ^____^

  7. Felicia ha detto:

    Il rhum in alcuni dolci è perfetto, abbinato al cioccolato poi…. è sensazionale!!!! però è scuro e nelle creme che devono rimanere bianche cambia il colore. Io non lo filtro, la vaniglia si deposita sul fondo della bottiglietta, basta versarlo con delicatezza e non scende nulla, per quanto riguarda i cardamomo, ho provato anche a pestarlo nel suribachi, ma si infilano tutti i semi nei solchi e poi non li levi più!!!!! il macinacaffè non l’ho, ma nello zucchero riesco a sminuzzarli leggermente con il robottino, non sono finissima a almeno rilasciano tutto il loro aroma, lo zucchero è profumatissimo…. proverò anche il tuo metodo 😛

  8. Titti ha detto:

    Io li odio i captcha anche se, inevitabilmente, sono utili al sistema informatico.
    L’estratto di vaniglia è interessante anche se non saprei dove usarlo. Stupidamente, direi incautamente, ne ho messe due-tre gocce (di quello già pronto) in un litro di latte di soia per insaporirlo e, dopo qualche ora era cagliato e disgustoso. Non mi ero accorta della presenza di alcol tra gli ingredienti!! Avevo comprato la boccetta per curiosità.
    Dove potrei usarlo?
    Anch’io conservo il packaging accattivante!!!
    Un abbraccio!!! 😀

  9. Chicca66 ha detto:

    Concordo, anche a me dispiace non poter lasciare commenti nei blog a cui tengo parecchio 😦
    Interessantissimi questi estratti, ci faccio un pensierino averli a disposizione per i dolci non è male, e sicuramente fatti da noi sono il massimo, bravissima 😉

  10. Antonella ha detto:

    Concordo su blogger!!!
    L’estratto è veramente interessante…complimenti:)

  11. Sara ha detto:

    Mi intriga l’idea di prepararmi un estratto, pensavo fosse molto più complesso. Poi come lo usi? Qualche goccia nelle preparazioni di dolci?

  12. Sara ha detto:

    …e la ricetta dei dolcetti dov’è??

  13. Herbs ha detto:

    @Katy fammi sapere, io sto ancora agitando forsennatamente ogni giorno 🙂

    @Feli, grazie per la risposta, non avevo proprio pensato al colore! poi ti dico se col macinacaffè è possibile sminuzzare il cardamomo, in alternativa credo che il metodo di sminuzzarli insieme allozucchero sia geniale!

    @Titti, potresti usarlo nell’impasto dei muffins, delle torte, nelle creme… non nel latte di soia, a questo punto 😉 grazie per la dritta, ingenuamente l’avrei provato anche io!

    @Chicca, grazie! sono una copiona sperimentatrice, provali anche tu! 🙂

    @Antonella, grazie, speriamo che venga fuori un compostino a modo 🙂

    @Sari, inserirò anche la preparazione dei dolcetti , con qualche consiglio, però, perchè forse erano un po’ asciuttini con quelle creme! l’estratto poi lo puoi usare negli impasti dei dolci, sì!

  14. Mimi ha detto:

    Ma quant’e fortunato il vicino?
    Detto questo torniamo ai commenti, lasciano stare… La rabbia che mi sale quando scrivo un poema e poi mi cancella tutto perché non riconosce il mio nome, indirizzo , etc… Vado fuori di testa O_O !!!!
    Ottimo l’estratto, saro’ pure capace in cucina, ma non ho tutta questa pazienza di preparare certe cose >_> !!!
    Brava quindi!!!!!!!

  15. […] 30 g di malto di riso 20 g di zucchero di canna scorza di un’arancia bio 1 cucchiaino di estratto di cardamomo e vaniglia 1 pizzico di bicarbonato di sodio 1 pizzico di lievito per […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: