Metti un pomeriggio d’autunno.

Che sei in casa col raffreddore.
Che ti viene l’ispirazione per il tuo primo outfit.
Che senti in lontananza il tuo vicino che, come ogni domenica mattina-pomeriggio-sera, anzichè andare a farsi un giro con quella maledetta moto rimane in casa – o in garage, credo – ad accelerare a vuoto a intervalli costanti.
E poi, ad un certo punto, non lo senti più.
Apri Facebook e questo si è trasformato in un camposanto con epitaffi ovunque. Mi viene quasi da trasformarmi in un mostro a sei mani e due tastiere e giù di insulti e recriminazioni. Dai, siamo seri.
A me dispiace quando muore un qualsiasi individuo senziente, ma non ho visto altrettanta enfasi o altrettanto clamore quando la stessa fine è toccata ad un perfetto sconosciuto. Io del mondo del motociclismo conosco solo Valentino Rossi perché una mia amica ne è fan accanita. E il mio vicino che accelera a vuoto tutto il pomeriggio. Quando ho letto che questo ragazzo è morto, tra me e me ho pensato: ‘Mi spiace ma … Chiiii?’
Non é per polemizzare a vuoto, ma  a me le morti celebri stanno sui coglioni. Odio dover sapere di tutto e di più di una persona che prima ignoravo. Lo odio quando mi si costringe a farlo per osmosi, volente o nolente. Chi conosce i nomi delle vittime del terremoto in Turchia? Chi conosce per filo e per segno le frasi dette dalle vittime della strage in Norvegia? Chi ha almeno una vaga idea dei pensieri orribili che passano nella testa degli animali che ogni giorno vengono mandati al macello? E delle mucche alle quali vengono portati via i figli?
Chi vi ha dato la convinzione che esistano morti di serie A e di serie Z (non dico B, perché quelli almeno un po’ se li filano…) ?
Ci sono morti di cui nessuno si preoccupa e di cui nessuno parla e ci sono morti di cui finisci per parlare anche tu contro la tua volontà. Non sopporto questa disparità e non sopporto che questa venga decisa da chi ha la responsabilità e il potere di selezionare le informazioni.

Perciò sdrammatizzo col mio outfit, di cui sono particolarmente orgogliosa.
Lascerò che le immagini parlino per me, soprattutto la prima, con quell’impietoso segno di grasso straripante proprio ad altezza della righina numero 6, partendo dal basso. Notiamo anche la forma di ginocchio del pantalone, proprio ad altezza ginocchio. Inebriante, nevvero?

 

E poichè i dettagli, soprattutto in queste occasioni, non sono mai irrilevanti, ecco qua due dettagli da urlo.

Sono loro: le macchie di pomodoro ciliegino unito ad altri succhi vegetali.
Certe volte mi sento proprio una casalinga pin-up. Meno male che lavoro, altrimenti sarei sola come uno Yeti.

Jacket: Champions
Shirt: Terranova
Trousers: Tezenis
Socks: Upim
Shoes: De Fonseca 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

11 thoughts on “Metti un pomeriggio d’autunno.

  1. kia ha detto:

    in pieno accordo.non c’è altro da dire.
    meraviglioso outfit…soprattutto i dettagli…già copiati…a cena!:)

  2. Usy ha detto:

    L’unica cosa che mi sento di rimproverarti sono i quadretti delle pantofole, di solito è meglio evitarli se indossi già delle righine. Però recuperi alla grande con l’asimmetria delle macchie sui pantaloni, quindi va bene così.

  3. Sara ha detto:

    condivido in pieno quello che hai scritto su Simoncelli, è davvero irritante tutto questo parlarne. Per l’outfit, che dire…sei mitica!!

  4. erbaviola ha detto:

    Outfit fighissimo. Su tutto il resto sono concorde e non mi ripeto. Però ora so l’ìndirizzo di casa tua grazie alla descrizione del vicino: stai di fianco a me vero? Rompe anche a te eh? Che, glielo si dice? Carinamente eh… più o meno come quando d’estate sgasa sotto la mia finestra della camera alle 6.00 della mattina!

    • herbivor82 ha detto:

      grazie!!!
      visto che abitiamo vicine organizziamo un sit-in davanti a casa sua! ma io non lo so eh! questa moda di accelerare a vuoto!!! ma ci saranno reali benefici per la moto??
      Comunque non mi ricordo nemmeno come si chiama, da quanto lo odio! tu lo sai?

  5. AndrElly ha detto:

    A parte l’outfit totalmente accattivante, ti faccio i complimenti per il post. Sono d’accordissimo con la tua idea sugli epitaffi di gente “famosa”.
    Complimenti anche per il blog, è molto carino!

  6. maria ha detto:

    sono completamente d,accordo con te, mi dispiace per lui, ma mi dispiace tantissimo per tutti quelli che muoiono, quando non se l,aspettano, !!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: